Tari 2018, riduzioni per 1726 utenze non domestiche - Piccolo aumento dello 0,7% per le utenze domestiche

Segui Zonalocale Lanciano su Facebook

 
Lanciano   Attualità 30/03

Tari 2018, riduzioni per 1726 utenze non domestiche

Piccolo aumento dello 0,7% per le utenze domestiche

La tariffa TARI 2018, approvata nel corso del consiglio Comunale di mercoledì 28 marzo con il voto della maggioranza, fa registrare una diminuzione della quota di circa 92 mila euro rispetto al 2017 grazie ai risultati eccellenti della raccolta differenziata. L'Amministrazione Pupillo ha deciso di destinare gran parte del risparmio all'agevolazione delle tariffe delle attività produttive (1726 utenze non domestiche) che lo scorso anno sono state involontariamente destinatarie di aumenti a causa di un'anomalia tecnica.

Il Comune di Lanciano nel 2018 ha un costo complessivo per la gestione rifiuti pari a 4.782.255 euro, 91.868 euro in meno rispetto alla quota dello scorso anno (4.874.723 euro), pari all'1,9% in meno. Il costo medio pro capite della Tari 2018 è di 135 euro, due euro in meno rispetto all'anno precedente (137 euro nel 2017). Il piano finanziario Tari 2018 prevede ulteriori agevolazioni per le utenze non domestiche con riduzioni rispetto al 2017 che vanno dal 4,9% al 5,5%: in particolare, si registrano riduzioni per le seguenti tipologie: Uffici Agenzie Studi professionali (-5.16%) negozi di abbigliamento librerie e ferramenta (-5,46%) Edicola farmacia tabacchi (-5,36%) attività artigianali (-5,49%) ortofrutta pizza al taglio fiori (-4,9%) bar caffè pasticcerie (-4,9%) ristoranti pizzerie trattorie (-5%). 

Complessivamente, avranno una riduzione delle tariffe rispetto allo scorso anno 1726 utenze non domestiche: salvo le tipologie banche e ospedali (20 utenze), tutte le utenze che lo scorso anno hanno coperto il gettito maggiore di 210 mila euro, somma di cui hanno beneficiato maggiormente le utenze domestiche, saranno ristorate con riduzioni della tariffa. Aumento irrilevante per le utenze domestiche, calcolato mediamente in +0.7%: una famiglia di 3 persone in 100 metri quadri di abitazione pagherà 221,80 euro, 1,58 euro in più rispetto al 2017 (220,22 euro). La Tari 2018 potrà essere versata in quattro rate (31 maggio – 31 luglio – 30 settembre – 30 novembre) o in un'unica soluzione entro il 31 maggio 2018. Gli avvisi saranno recapitati tramite posta ordinaria. Per le utenze domestiche è possibile calcolare l'ammontare del costo della Tari 2018 inserendo il numero dei componenti e i metri quadri dell'abitazione al link www.lanciano.eu/comune/calcolo.html .

"L'obiettivo è stato quello di calmierare gli aumenti imprevisti che lo scorso anno hanno investito 1726 utenze non domestiche, aumenti non voluti dall'Amministrazione e comunque al di sotto del dovuto se le quote non fossero state oggetto di una forte agevolazione – ha sottolineato l'assessore al Bilancio Carlo Orecchioni - è stato dunque rispettato l'impegno assunto dal compianto assessore Pino Valente nell'ultima conferenza stampa del maggio dello scorso anno: un obiettivo centrato grazie a una sensibile riduzione pari a circa il 2% della quota Tari ottenuta in gran parte con il dato della raccolta differenziata, costantamente sopra il 75% durante tutto il 2017. Il costo medio di Lanciano, 135 euro pro capite contro i 137 dello scorso anno, anche quest'anno è nettamente al di sotto della media regionale e nazionale. Per le utenze domestiche gli aumenti sono praticamente irrilevanti e mediamente pari allo 0,68%: per fare un esempio, una famiglia di 3 persone che abita in una casa di 110mq avrà un aumento dello 0,7% che corrisponde a 1,67 euro". 

"La rivoluzione politica, culturale e ambientale avviata nel dicembre 2015 con la scelta di affidare a EcoLan il servizio di raccolta rifiuti inizia a dare i primi frutti anche dal punto di vista meramente economico – ha commentato il sindaco Mario Pupillo - siamo soddisfatti del lavoro dell'Ufficio Tributi e dell'assessore al Bilancio, che ha rispettato l'impegno assunto dalla nostra Amministrazione e dal compianto vicesindaco Pino Valente con le categorie produttive. L'anno prossimo toccherà alle utenze domestiche, che quest'anno hanno tariffe praticamente invariate, godere di una riduzione della Tari: è infatti grazie ai cittadini e al loro straordinario impegno con la raccolta differenziata se oggi possiamo registrare questo risparmio e abbiamo una città decisamente più pulita e decorosa. Inoltre, grazie ai minori conferimenti di indifferenziata, 2000 tonnellate in meno rispetto al 2017, anno in cui già si era registrato un meno 6000 tonnellate rispetto al 2016, la discarica di Cerratina di proprietà dei Comuni, quindi di tutti i cittadini, avrà una vita più lunga".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi