Nuova tassa di soggiorno in città? E’ già polemica - Il secco no di Ascom Abruzzo: "balzello inutile, prima creare servizi per turisti"
 
Lanciano   Attualità 23/03

Nuova tassa di soggiorno in città? E’ già polemica

Il secco no di Ascom Abruzzo: "balzello inutile, prima creare servizi per turisti"

Nuova tassa di soggiorno per l’ingresso in città? Se ne parlerà tra una settimana nel prossimo consiglio comunale di Lanciano, ma in città è già polemica.

“Quest’amministrazione sarà ricordata per la capacità di far ‘scappare’ visitatori e consumatori da Lanciano, con provvedimenti che, in un momento di profonda crisi, si stanno rivelando deletari ed “aggressivi” per il commercio e le diverse attività produttive. Dopo le Ztl che hanno desertificato un trascurato centro storico, ora arriva la tassa di soggiorno…”.

Angelo Allegrino, presidente di Ascom Abruzzo, si dice nettamente contrario all'introduzione, da parte del Comune di Lanciano, dell'imposta di soggiorno a carico di quanti "alloggiano nelle strutture ricettive del territorio". La proposta, già elaborata dagli uffici comunali, arriverà presto in consiglio per l'approvazione. Sulla questione ci sono state già riunioni in municipio, anche con le associazioni di categoria.

Ascom Abruzzo è nettamente contraria a questo nuovo balzello a carico dei turisti e di quanti pernottano a Lanciano”, tuona Allegrino. Da calcoli dell'amministrazione in città sarebbero registrate circa 20mila presenze all'anno e la tassa si dovrebbe aggirare sui due euro e gli introiti essere utilizzati per “migliorare l'accoglienza turistica”.

“Lanciano – riprende Allegrino – non è città che conta frotte di turisti. Il turismo, per la maggior parte, è quello legato al Miracolo Eucaristico, con i pellegrini che arrivano e ripartono nel giro di qualche ora, senza purtroppo fermarsi. Questa tassa, quindi, non porterebbe grandi introiti nelle casse pubbliche, solo poche decine di migliaia di euro all'anno, ma potrebbe indurre visitatori e turisti a scegliere strutture ricettive dei centri limitrofi e a boicottare Lanciano. Poi - prosegue - ci sono quelli che pernottano a Lanciano per motivi di lavoro, perché magari vengono assunti per brevi periodi nelle aziende della Val di Sangro e a loro non si può imporre una tassa di soggiorno. Prima di introdurre questa imposta bisognerebbe creare servizi per i turisti. Quindi il nostro è un no è deciso”. 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 

Annunci di Lavoro

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi