Lotta alla processionaria, il Comune invita i privati alla bonifica - Multe ai trasgressori dai 500 ai 3mila euro

Segui Zonalocale Lanciano su Facebook

 
Lanciano   Attualità 15/02

Lotta alla processionaria, il Comune invita i privati alla bonifica

Multe ai trasgressori dai 500 ai 3mila euro

Il sindaco Mario Pupillo ha firmato l'ordinanza che impone ai privati proprietari di aree verdi e agli amministratori di condominio che gestiscono aree verdi di contrastare la presenza nel territorio comunale della “processionaria del pino” (nome scientifico Traumatocampa pityocampa).

Si tratta di un tipo di farfalla che costituisce una seria minaccia per la produzione e la sopravvivenza di alcune specie arboree, in particolare il pino silvestre, il pino nero, il pino strobo e tutte le altre aghifoglie. Inoltre, può costituire un rischio per la salute delle persone e degli animali che dovessero venire in contatto con la processionaria. 

I proprietari di aree verdi e gli amministratori di condominio che hanno in gestione aree verdi private devono dunque effettuare tutte le opportune verifiche e ispezioni sugli alberi presenti nelle loro proprietà per accertare la presenza di “nidi” della processionaria, con obbligo della rimozione e la distruzione dei nidi, come stabilito dal Decreto Ministeriale 30.12.2007.

A lavori ultimati è necessario comunicare l'esito della bonifica agli uffici del Settore Ambiente del Comune di Lanciano e al Servizio Igiene Epidemiologia e Sanità Pubblica (SIESP) della Asl2 Lanciano Vasto Chieti. Le sanzioni per i trasgressori dell'ordinanza, su cui sono chiamati a vigilare i Carabinieri Forestali della stazione di Lanciano e la Polizia Municipale, vanno dai 500 ai 3000 euro. Inoltre, il Comune di Lanciano potrà disporre l'esecuzione d'ufficio dei lavori di rimozione e distruzione dei nidi, addebitando la spesa a carico dei multati. 

Il bruco di questo lepidottero è dotato di una peluria urticante che può provocare irritazioni cutanee, oculari e alle vie respiratore quando è allo stato larvale. Gli uffici preposti sono stati allertati e sono previsti interventi dove sono stati già identificati dei nidi sui quali intervenire tempestivamente, visto che è necessario agire sui bozzoli per una soluzione efficace. 

La Regione Abruzzo indica due tipi di procedura di lotta alla processionaria: meccanica, con sportazione e bruciatura dei rami con nidi entro il mese di marzo; microbiologica (bacillus thuringiensis), contro le larve di prima e seconda età da fine agosto a tutto settembre. Inoltre è consigliabile l’impiego, in giugno e luglio di trappole a feromoni per il monitoraggio dei voli e/o la cattura in massa di insetti adulti. 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 

Annunci di Lavoro

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi