Al Renzetti in arrivo uno sportello antiviolenza grazie al Rotary Club Lanciano - Presentati i progetti per l’annata 2017/2018 del Club frentano

Segui Zonalocale Lanciano su Facebook

 
Lanciano   Attualità 18/09

Al Renzetti in arrivo uno sportello
antiviolenza grazie al Rotary Club Lanciano

Presentati i progetti per l’annata 2017/2018 del Club frentano

Marcello Rovetto, Giovanna Ferrante, Licia Caprara, William Zonfa, Sara Di Rado e Antonio ZaccagniniSono due i progetti presentati questa mattina in conferenza stampa tra quelli che porterà avanti il Rotary Club Lanciano, presieduto da Licia Caprara oggi affiancata dal presidente della commissione Progetti Marcello Rovetto, all’interno dell’annata 2017/2018 e che, come sempre, mirano alla creazione di sinergie con altre importanti realtà del territorio per “servire gli altri, promuovere l’integrità e avanzare la comprensione, la buona volontà e la pace nel mondo attraverso una rete di professionisti, imprenditori e personalità di spicco della comunità”.

Sotto una buona stella” è il nome del progetto che vedrà il Rotary di Lanciano a sostegno dell’alta formazione per un diplomato dell’istituto alberghiero di Villa Santa Maria. Il giovane Antonio Zaccagnini, scelto dalla preside Giovanna Ferrante ed i docenti tra i diplomati dell’istituto, avrà l’opportunità di mettere in pratica le conoscenze acquisite nel suo percorso di studi nella cucina dello chef stellato William Zonfa, nel ristorante “Magione papale” a L’Aquila, in uno stage di tre mesi. “Raccontare il nostro percorso ai giovani è per noi un dovere - commenta lo chef Zonfa - e sarà per me un dovere insegnare ad Antonio le tre parole per me fondamentali per raggiungere i propri obiettivi: umiltà, passione e sogno”. Il costo è a totale carico del Club, lo chef e la struttura ospitante opereranno a titolo gratuito.

Secondo progetto presentato, ma non per importanza, è lo sportello contro i maltrattamenti su donne e minori che, entro Natale, aprirà nell’ospedale di Lanciano. Lo sportello sarà attivo grazie alla collaborazione con l’associazione di promozione sociale “Donn.è”, rappresentata da Sara Di Rado, già convenzionata con la Asl per la gestione di uno sportello antiviolenza all’interno dell’ospedale di Ortona. Ad ottobre partirà la formazione degli operatori e del personale per poi aprire al pubblico quello che si spera diventerà un punto di riferimento per quanti, donne e minori, vivono situazioni di violenza, soprattutto familiare, e non sanno a chi rivolgersi.

“E’ per noi molto importante fare rete con le realtà del territorio più attive per creare una vera sinergia che ci porti a raggiungere quanti più obiettivi possibili. - conclude la presidente Licia Caprara - Questi sono solo alcuni dei progetti che porteremo avanti in questo anno rotariano, ma esprimono al meglio i nostri obiettivi: l’aiuto delle fasce più deboli ed il sostegno verso i giovani meritevoli”.

di Martina Luciani (m.luciani@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi