#leavingleaving, i ricordi dei migranti in mostra al Polo Museale - L’esposizione si inserisce all’interno della quarta edizione del Flic

Segui Zonalocale Lanciano su Facebook

 
 
 

Lanciano   Eventi 28/07

#leavingleaving, i ricordi dei
migranti in mostra al Polo Museale

L’esposizione si inserisce all’interno della quarta edizione del Flic

Sarà inaugurata questa sera, venerdì 28 luglio, la mostra #leavingliving, il progetto fotografico dinamico, interattivo e in continua evoluzione a cura di Valentina Di Petta e del Consorzio Matrix al Polo Museale Santo Spirito, all’interno della quarta edizione del Flic - Festival Lanciano in Contemporanea (QUI l’articolo).

Guardare con gli occhi di un richiedente asilo che racconta lo scorrere degli eventi di una vita simmetricamente opposta a quella che ora non può più vivere nel suo Paese d’origine. Tutti i momenti più significativi della vita familiare, gioie e dolori, emozioni e paure, non vissuti, ma percepiti a distanza, da quelle immagini di amarezza e rimpianto che si possono scorgere attraverso le foto ricevute, unico legame con quella vita che non vivranno più. 

Ai ragazzi dei Centri di accoglienza è stata data l’occasione di partecipare a questo progetto condividendo le foto su Instagram utilizzando l’hashtag #leavingliving. Lasciare il proprio Paese d’origine comporta la perdita delle proprie radici e la creazione di nuove in un Paese sconosciuto e il conseguente impatto con una cultura differente, che determina una nuova visione della realtà.

L’esperienza della migrazione modifica ogni aspetto della soggettività, fino a divenire l’inizio di una nuova esistenza, spesso in bilico, tra il timore di perdere la propria identità e l’esigenza di integrarsi in un nuovo mondo dove essere accettato. 

#leavingliving fa emergere il profondo legame con le proprie origini attraverso le storie raccontate in prima persona dai migranti. È una fessura che ci permette di curiosare sulle coordinate della loro biografia e immedesimarci nell’amarezza e nella nostalgia che inonda i loro sentimenti. La dimensione individuale è centrale, mentre l’obiettivo è ridefinire sé stessi nel trovare un nuovo equilibrio con la terra d’adozione. Sognare l’Europa e un domani migliore, costringe ad abbandonare le proprie radici, ma non l’attaccamento ai valori e alle loro famiglie. 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi