Nuova stagione per l’Orto d’Amore a servizio dei pazienti in hospice - L’ortoterapia come aiuto nel difficile periodo del fine vita

Segui Zonalocale Lanciano su Facebook

 
Lanciano   Attualità 08/05

Nuova stagione per l’Orto d’Amore
a servizio dei pazienti in hospice

L’ortoterapia come aiuto nel difficile periodo del fine vita

E’ ripartito ieri, domenica 7 maggio, l’orto d’amore nell’hospice Albachiara di Lanciano con una vera festa che ha coinvolto l’intera struttura e che tra piante officinali, ortaggi e fiori, cerca di alleviare la permanenza dei pazienti costretti a vivere nell’hospice.

“Questa è solo una delle attività che portiamo avanti ad Albachiara - dice il dott. Pier Paolo Carinci, direttore dell’hospice - per mostrare alla cittadinanza quanto questo non solo il posto dove si va a vivere negli ultimi momenti della propria vita, ma è quel posto dove si va a farlo con dignità”. L’ortoterapia è infatti riconosciuta come metodo riabilitativo nell’ambito delle terapia occupazionali che consiste nell’affiancare il soggetto nella cura e gestione del verde, nella coltivazione di fiori, ortaggi e altre piante.

“L’idea è nata tre anni fa e sono stata felicissima di partecipare e portare tutti gli amici. - afferma l’agronomo Marina Paolucci, responsabile dell’orto - Il tema di quest’anno sono le piante insolite, quindi insieme alle coltivazioni tipiche dell’estate, a bellissimi fiori e piante officinali, abbiamo un’era dedicata a ciò che è più difficile reperire e che magari, in tanti, neanche conoscono”.

 

Ecco le interviste a Pier Paolo Carinci e Marina Paolucci:

Guarda il video Guarda le foto

di Martina Luciani (m.luciani@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi