L’associazione Il Ponte, da 34 anni innamorati del teatro - Dopo gli ultimi riconoscimenti, già si pensa alla prossima stagione teatrale

Segui Zonalocale Lanciano su Facebook

 
 
 

Lanciano   Curiosità 30/04

L’associazione Il Ponte,
da 34 anni innamorati del teatro

Dopo gli ultimi riconoscimenti, già si pensa alla prossima stagione teatrale

E’ stata un’idea di don Valentino Toffanin, allora parrocco della cattedrale di Lanciano della Madonna del Ponte, a dare i natali all’associazione Il Ponte nel maggio del 1983. Da 34 anni l’associazione è cambiata, cresciuta, si è evoluta ma non ha mai smesso di fare ciò per cui è nata: il teatro. L’associazione Il Ponte, infatti, tra delle più longeve e antiche della città, vive sul palco, ama il teatro, in particolare modo quello dialettale e sacro.


“Tanti sono stati i riconoscimenti ed i premi vinti negli anni per regia, scenografia, costumi ed in generale per i nostri spettacoli. - dice il direttore artistico Carmine Marino - Come nella rassegna di teatro dialettale del Marruccino di Chieti, nelle rassegne di Pineto, Civitella e Campli, Atessa, Sulmona e più volte abbiamo partecipato anche al premio Maschera d’Oro Città di Lanciano”.

Negli anni sono state tante le attività e le iniziative portate avanti dall’associazione, oggi presieduta da Carmine Paolini, e tante le collaborazioni con altre importanti realtà culturali del territorio come il Teatro Studio o l’associazione Amici della Musica per cui realizza ogni anno un diverso spettacolo di teatro e musica in occasione della settimana dedicata a Santa Cecilia.

“Lo scorso fine settimana - riferisce Marino a Zonalocale - siamo stati a Tolmezzo in provincia di Udine per un laboratorio d’arte drammatica. E’ stato interessante portare i nostri ragazzi lì e, qualche giorno dopo, ospitare la compagnia friulana a Lanciano in un vero e proprio scambio culturale”. Oggi i soci attivi sono circa 30 e e un’altra trentina sono i sostenitori che gravitano attorno all’associazione in un range d’età che vai da 16 a 60 anni. “Organizziamo settimanalmente laboratori teatrali per i nostri soci in modo tale da mantenere sempre vivi i rapporti ed avere una sorta di ‘formazione’ continua”.

Adesso l’associazione Il Ponte si sta preparando per la stagione 2017 con un nuovo spettacolo teatrale “Queste è lu tempe de mò” di Leonello Marino e con la nuova realizzazione per l’associazione Amici della Musica dedicata a Maria Callas: “Vissi d’arte… raccontiamo Maria Callas”.

Ma ciò che negli anni ha maggiormente caratterizzato l’associazione è senza dubbio il Presepe Vivente giunto alla sua trentesima edizione, dapprima realizzato nel quartiere Lancianovecchia, poi nella chiesa di San Biagio e, in ultimo e presumibilmente anche per il futuro, nella cattedrale della Madonna del Ponte.

“Noi ci definiamo una compagnia ‘amatoriale’ - conclude Carmine Marino - non tanto perché siamo lontani dall’essere professionisti, ma perché amiamo il teatro in tutte le sue forme e continueremo a farlo”.

di Martina Luciani (m.luciani@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi