E’ lancianese uno dei migliori oli al mondo - Tre medaglie d’oro all’Agrumato al Limone nella Oil Competion a Los Angeles

Segui Zonalocale Lanciano su Facebook

 
Lanciano   Curiosità 04/04

E’ lancianese uno dei
migliori oli al mondo

Tre medaglie d’oro all’Agrumato al Limone nella Oil Competion a Los Angeles

Reca con sé le essenze e le caparbie tinte mediterranee della terra d'Abruzzo, il successo dell'azienda “Agrumato Srl”, della famiglia Ricci, di Lanciano, al Los Angeles 2017 – International Extra Virgin Olive Oil Competition, concorso internazionale sugli oli extra vergine di oliva, giunto alla 18esima edizione.

Si tratta della massima competizione negli Stati Uniti e della quinta a livello internazionale e riunisce i migliori oli del mondo per celebrarne i più elevati standard di integrità, qualità e professionalità. Al concorso, quest'anno, hanno partecipato centinaia di produttori da Argentina, Australia, Cile, Cina, Croazia, Francia, Germania, Grecia, Italia, Giappone, Marocco, Portogallo, Sud Africa, Tunisia, Turchia, Uruguay e Usa. E, in questo caleidoscopio di sapori, l'Agrumato al Limone dell'azienda frentana ha conquistato tre medaglie d'oro: “Best of Show Flavored”, “Best of Class Awards”, “Gold Medal Flavored”. “Miglior prodotto della manifestazione”, dunque, “Miglior condimento italiano” e “Miglior olio di categoria”. Mentre l’Agrumato al Mandarino si è accaparrato l’argento.

“Si tratta – dice Francesco Ricci, titolare di “Agrumato Srl” - di uno dei più prestigiosi riconoscimenti a livello mondiale. Le produzioni olivicole d'eccellenza vengono valutate con un Panel Test cieco da un pool di giudici severissimi”. Un'affermazione che premia tutto il comparto olivicolo abruzzese. “E la nostra meravigliosa regione – dichiara Ricci -, che va tutelata da politiche ambientali scellerate che minacciano colture e territori di pregio, in grado di produrre eccellenze alimentari apprezzate e ricercate ovunque”.

L’Agrumato e la storia della famiglia Ricci si fondono in un legame indissolubile. Un’innovazione che in oltre 25 anni ha generato un vero e proprio trend nell’ambito dei prodotti oleari. Condimento unico, perché ottenuto dalla contemporanea molitura di olive ed agrumi interi freschi; nasce dall'incontro fra le olive della varietà Gentile delle colline abruzzesi ed i limoni della Costa dei Trabocchi. Un prodotto inimitabile, “frutto di creatività, di passione e di verve imprenditoriale”.

I Ricci però, non si sono fermati all’olio al limone, ma guidati dalla loro fantasia e dal desiderio di innovare, hanno utilizzato, anche Francesco Ricci (a sinistra) a Los Angelesaltre tipologie di agrumi per realizzare una linea completa di condimenti Agrumati, al Cedro, all'Arancia Bionda Dolce, al Mandarino e all’Arancia Rossa Sanguinello nonché creando una particolare variante dell’Agrumato al Limone (denominato Agrumato al Limone ed Erbe), nel quale vengono lasciate in infusione l’origano e l’aglio, dando vita così ad una sorta di “salmoriglio in bottiglia”, a cui una volta aperto, si può aggiungere del prezzemolo tritato fresco, con cui condire ad esempio una fetta di pesce spada alla brace. 

Dall'olio è nato anche il Pan'Agrumato, una particolare rivisitazione del dolce natalizio italiano per eccellenza, che da 7 anni raggiunge i mercati di tutto il mondo.

Le produzioni della famiglia Ricci sono conosciute soprattutto all’estero dove, dal 1992, viene venduto più del 90% degli oli, in 19 Paesi. “All'epoca – riprende Francesco Ricci -, da autentici pionieri, abbiamo fatto la scelta dell’internazionalizzazione”. Una strategia che ha consentito subito all'azienda abruzzese di arrivare ad essere fornitori della Casa Bianca per tutto il periodo della presidenza Clinton. “Nel secondo pranzo di insediamento, le nostre bottiglie di Agrumato al Limone erano sul tavolo dei potenti della terra. Un “endorsment” che ci ha permesso di arrivare davvero nei migliori negozi e di fornire i ristoranti dei migliori chef del mondo. Tutto ovviamente grazie alle particolarità delle nostre produzioni e alla qualità senza compromessi”.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi