Padre e figlio in bici da Parigi a Londra - Il racconto di Fausto e Lorenzo che hanno percorso 500 km sulle due ruote

Segui Zonalocale Lanciano su Facebook

 
Lanciano   Curiosità 30/03

Padre e figlio in bici
da Parigi a Londra

Il racconto di Fausto e Lorenzo che hanno percorso 500 km sulle due ruote

Fuasto e Lorenzo durante il viaggioOtto giorni in bici, pedalando tra ville, castelli, boschi e campagne per arrivare dalla Tour Eiffel al Big Ben, da Parigi fino a Londra. E’ il viaggio intrapreso l’estate scorsa da Fausto Giancristofaro, insieme a suo figlio, appena maggiorenne, Lorenzo e che oggi rivive grazie ad un video con le più belle emozioni di quella vacanza.

“Per 18 anni di Lorenzo io e mia moglie abbiamo deciso di regalargli questo viaggio - ci racconta Fausto - e di dargli l’occasione di poter vedere l’Europa, e due delle sue più belle capitali, da un punto di vista diverso”. Così Fausto, da aprile 2016, si è messo al lavoro per organizzare al meglio quest’avventura tra percorsi, piste ciclabili e b&b da prenotare lungo in tragitto. Così, dopo studi e ricerche, il 13 agosto 2016 sono partiti dall’aeroporto di Pescara alla volta di Parigi per iniziare questa “traversata” sulle due ruote. “Dopo un giorno nella capitale francese abbiamo intrapreso il nostro viaggio in una fitta rete di piste ciclabili e strade di campagna, - dice Fausto a Zonalocale - pronti a percorrere circa 500 km”. Hanno così pedalato tra gli splendidi scenari della Francia settentrionale tra boschi e ville meravigliose, attraversando addirittura un immenso campo da golf, fino ad arrivare alla traversata della Manica e poi giungere in Inghilterra.

“I paesaggi che più porterò nel cuore sono quelli inglesi - rivela Fausto - dove tutto era così armonioso e perfetto e, nonostante la pioggia, non abbiamo mai smesso di pedalare perché l’entusiasmo e la voglia di fare erano maggiori della stanchezza”. Una stanchezza fisica di cui Fausto non parla quasi mai, ricordando come il percorso, a suo dire, non sia così impegnativo e molto frequentato da altri biker europei ed italiani, giovani e meno giovani.

“Consiglio davvero a chiunque di fare un’esperienza simile - prosegue - perché con il ciclo escursionismo si ha la possibilità di viaggiare in un modo completamente diverso, vedere luoghi nascosti e godere appieno di paesini e paesaggi fuori dalle solite rotte turistiche”. Un modo di viaggiare che si sta sviluppando sempre più in Europa dove, soprattutto in Paesi come la Germania, le piste ciclabili in rete si moltiplicano di anno in anno per dare spazio a forme di turismo sempre più green.

“Ho avuto l’occasione di vivere un’esperienza unica insieme a mio figlio - conclude Fausto - e di viaggiare anche attraverso i suoi occhi. Di sicuro porteremo questo ricordo con noi per sempre. E siamo già pronti ad una nuova partenza, magari viaggiando da Praga verso Berlino”.

 

 


di Martina Luciani (m.luciani@zonalocale.it)

Commenti




 


    Chiudi
    Chiudi