Asl, inchiesta su fatture gonfiate al servizio lavanderia: 2 arresti - Coinvolti imprenditore di Lanciano e dirigente di Vasto. Altri 7 indagati

Segui Zonalocale Lanciano su Facebook

 
Lanciano   Cronaca 06/03

Asl, inchiesta su fatture gonfiate
al servizio lavanderia: 2 arresti

Coinvolti imprenditore di Lanciano e dirigente di Vasto. Altri 7 indagati

Antonio Colasante

Ore 17 - Tra gli indagati c'è anche il manager della Asl, Pasquale Flacco, che ha firmato alcune delibere relative al servizio di lavanderia. L'accusa è quella di aver gonfiato le fatture per circa un milione e 700 mila euro sul dovuto il cui ammontare era di 500 mila euro. L'importo complessivo del servizio lavanderia sarebbe stato di 4,5 milioni di euro dal 2009 al 2014. L'ordinanza cautelare è firmata dal gip di Lanciano su richiesta del pm Rosaria Vecchi.

Ore 11.30 - L'inchiesta, partita lo scorso anno, vede la collaborazione del Commissariato di Polizia di Lanciano, della Squadra Mobile di Chieti e del nucleo di Polizia tributaria della Guardia di Finanza.

Ore 10.30 - Gli indagati per l'inchiesta Dati incrociati sono 9 e sono attualmente in corso le perquisizioni negli uffici della Asl in via Spaventa a Lanciano. Oltre a Colasante per auto riciclaggio e abuso in atto d'ufficio, è finita agli arresti domiciliari la dirigente Asl Tiziana Spadaccini, 57 anni, di Vasto, per il solo reato di abuso d'ufficio.

Arrestato alle prime luci dell’alba l’imprenditore frentano Antonio Colasante, l’accusa nei suoi confronti è riciclaggio.

L’inchiesta “Dati incrociati”, che prende il nome dall’intercettazione in cui si sente dire “se incrociano i dati sono guai”, riguarderebbe la sanità e gli appalti nella Asl provinciale per lavanderia e sterilizzazione degli strumenti. Così, intorno alle 6.30 di questa mattina, gli agenti del Commissariato di Lanciano lo hanno prelevato dalla sua villa bunker in città, in via Don Minzoni.

Nei guai è finita anche una dipendente della Asl Lanciano Chieti Vasto, agli arresti domiciliari con l'accusa di abuso d'ufficio.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Commenti




 

 
 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi